http://www.movimento5stellesancostanzo.org/tari-tari-tari-ah/

TARI, TARI, TARI, AH…

La legge è uguale per tutti.
Se è la legge che ti impone certe scelte, c’è poco da fare.

Dietro queste due prime dichiarazioni, è possibile giustificare qualsiasi tipo di atteggiamento o di comportamento.

La Befana ormai ha ultimato tutte le consegne ma questa volta, anziché carbone o cipolle, a tanti ha portato la Tari.

Quella arrivata nelle nostre case la scorsa settimana, non è altro che il conguaglio relativo alla Tassa Rifiuti dovuta per l’anno 2014. Tutti lo sapevamo, visto che l’Amministrazione ne aveva già descritto le modalità di riscossione, subito dopo la scorsa estate, ma molti se la erano dimenticata.

Grazie alla legge di stabilità 2014 infatti, tutti i comuni sono costretti ad incassare quanto speso per la raccolta e la gestione dei rifiuti, attraverso la TARI.

Nella ripartizione dei costi, si è tenuto conto sia del tipo di utenza, sia della superficie degli immobili, sia del numero dei residenti.
Come nei migliori cartoni di Walt Disney, una bella mescolata e…… ecco fatto, a voi i numeri.

La maggior parte dei nostri concittadini, ligi al dovere, all’appartenenza politica, hanno al massimo mugugnato, ma poco più, altri invece, forse stufi di questo continuo chiedere soldi, forse perché in difficoltà economiche o forse soltanto perché svegli, hanno avuto la buona volontà di rivolgersi in Comune in cerca di spiegazioni.

“Tutto corretto, tutto regolare”, queste le prime parole di difesa degli amministratori fino a poi, in alcuni casi, doversi ricredere per conteggi applicati nel modo non corretto.

A questo punto allora, chiediamo lumi su come questa tassa debba essere calcolata, al fine di poter autonomamente capire se quanto ci apprestiamo a pagare, sia veramente quanto dovuto.

Attenzione però: se qualcuno potrebbe vedersi ridotta l’entità del conguaglio, per altri potrebbe accadere l’esatto contrario. Dimostriamoci cittadini onesti fino in fondo e non solo quando ci fa comodo.

Rimaniamo in contatto

Giovanni Furlani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *