Archive for Senza categoria

40,00 € a testa

Interessante Consiglio Comunale quello tenutosi giovedì 26 luglio.

A tenere banco e a catalizzare l’attenzione e la discussione dei presenti, è stata sicuramente la proposta della maggioranza di realizzare un nuovo campo da calcio a 5 (ma anche a 8), in erba sintetica.

Progetto pronto, coperture finanziare trovate, approvazione in C.C. e……. SI PARTE!!!!

Finalmente anche San Costanzo si doterà di un impianto in sintetico.

Sì, finalmente. Perché per quanto esposto durante la discussione, sembrerebbe che proprio questo tipo di impianto manchi alla nostra comunità. Tantissimi giovanissimi atleti si sono visti costretti ad “emigrare” in strutture e società dei comuni limitrofi, proprio perché non avevamo una struttura come questa. Anche la nostra squadra di calcio ad 11, si è vista obbligata ad allenarsi, nel corso della scorsa stagione, in una struttura del comprensorio fanese. Tanti nostri concittadini, amanti del calcetto, spendono fino a 100,00 € all’ora per accedere a strutture di questo tipo.

Il nuovo impianto

“..non sarà il campo di allenamento dell’U.S. San Costanzo ma sarà un campo aperto alla cittadinanza..”

L’area interessata per la costruzione del nuovo impianto, è quella adiacente il campo sportivo comunale e la costruzione sostituirà quello che ora è il campo di allenamento della squadra di calcio cittadina. Stando all’esposizione del progetto, la vicinanza al campo esistente permetterà la condivisione degli spogliatoi per i due impianti, permettendo così di risparmiare i soldi per la loro costruzione.

Da cittadino, ancora prima che come consigliere, mi è piaciuta l’idea dell’amministrazione di investire in impianti sportivi. Ritengo lo sport in genere, specialmente per ragazzi in età scolastica, fondamentale per la crescita fisica, caratteriale e sociale. Non può esserci sport vero e sano, se non ci sono strutture, società ed appassionati.

Ma giovedì la mia carica di portavoce mi ha obbligato ad elaborare una mia posizione in merito, in rappresentanza di una parte di comunità.

Pur amando il calcio giocato alla follia, ritengo la vera follia, investire soldi (parliamo di 190.000,00 €) in quel tipo di impianto.

Il campo sportivo comunale, il campo sportivo di Cerasa, le piste polivalenti di Stacciola, San Costanzo e Cerasa, oltre al Palazzetto dello sport Comunale, mi sono sembrate strutture più che sufficienti per la pratica del calcio a 11, a 8 o a 5. Sono cresciuto, insieme ai miei amici cerasani, tirando calci al pallone nel campo in erba della nostra piccola frazione. La nostra presenza quotidiana, specialmente nel periodo invernale, impediva in prossimità delle porte, all’erba di crescere e spesso i portieri, giocavano all’interno di vere e proprie pozzanghere di fango.

La scorsa settimana, in occasione delle olimpiadi comunali, ho potuto verificare come il manto erboso sia uniforme e compatto. Nessuno si è preso cura di lui, ma nessun altro lo ha usurato, segno che una gran voglia di calcio, in particolar modo a Cerasa, non ce n’è.

Ho cercato allora di far capire loro che quella scelta avrebbe soddisfatto l’esigenze di pochi.

Ho detto loro che una superficie diversa dall’erba sintetica, avrebbe permesso un utilizzo dell’impianto anche per altre attività oltre a quelle calcistiche come il tennis, il pattinaggio, ecc.. Si sarebbe potuto prevedere anche una tensostruttura di copertura e renderlo così idoneo anche alle attività indoor, come la pallavolo, il basket, le arti marziali, la ginnastica sportiva e non, ecc.. Pensate, solo nei mesi estivi, trasformare l’impianto per quelle attività sulla sabbia come il beach volley o il beach tennis!!

Apparentemente non sono riuscito a scalfire le loro posizioni granitiche.

La mia impressione è che quell’impianto lì doveva nascere, così doveva essere realizzato, perché così serviva. Se poi sarà veramente un impianto per la comunità o per pochi intimi, lo scopriremo nei prossimi anni.

 

Giovanni Furlani

Rifiuti, che passione!

Chi decide come e cosa fare in merito alla raccolta ed al trattamento rifiuti?
Chi sono gli addetti ai lavori?

Sicuramente la Regione Marche alla quale, per legge, compete l’organizzazione e la gestione dei rifiuti del proprio territorio; poi ad un livello inferiore le ATA (Assemblea Territoriale d’Ambito) che suddividendo il territorio regionale in 5 macroaree, una per ciascuna provincia, ne definisce il complesso delle attività e dei fabbisogni impiantistici necessari alla gestione dei rifiuti e definire le strategie, atte al raggiungimento degli obiettivi definiti dalla Regione attraverso la condivisione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti.

È evidente come un livello sotto alle singole ATA, ci siano quindi i singoli comuni, con i Sindaci i soli e veri responsabili della gestione dei rifiuti.

Nel 2015 la Regione approva il PRGR e a fine estate ne condivide con le singole ATA il Documento Preliminare del Piano d’Ambito chiedendo, ai singoli comuni, di proporre modifiche, integrazioni e commenti. A marzo 2017 i rappresentanti dei comuni, in sede di ATA, approvano il DPPA e lo inviano in Regione per sottoporlo alla verifica di congruità.

Qualche mese dopo, il 7 luglio 2017, il servizio tutela, gestione ed assetto del territorio della Regione Marche, comunica all’ATA la verifica di congruità del DPPA con quanto indicato dal PRGR.

Qui nascono le stranezze!

Il documento inviato a mezzo PEC dalla Regione all’ATA (Assemblea Territoriale d’Ambito), non è mai stato condiviso con i membri dell’ATA stessa e, cosa assai più grave, nemmeno con il gruppo di lavoro ristretto, costituito come volere dell’ATA e composto dai rappresentanti di una decina dei comuni membri.

Perché non si sono condivise, con le amministrazioni locali, le informazioni e i commenti che la Regione Marche aveva inviato loro?

Che senso ha avuto la costituzione di un gruppo Ambiente in seno all’ATA, se poi non se ne riconosce il valore e/o l’utilità?

Si doveva attendere la tenacia, la competenza e l’applicazione del gruppo “BENI COMUNI” per rimuovere il velo e scoprire gli atti fondamentali per la gestione unitaria dei rifiuti, fino a quel momento nascosti e non condivisi?

Perché il presidente dell’ATA (Daniele Tagliolini) non ha informato l’Assemblea Territoriale d’Ambito della presenza del verbale di congruità, visto che di incontri successivi a luglio 2017 ce ne sono stati?
A queste domande difficilmente troveremo risposte.

Sembra alquanto inutile sottolineare come la Regione stessa riprenda e critichi in alcuni passaggi, la proposta del DPPA per la cui stesura è stato incaricato un tecnico esterno, riconoscendogli una congrua parcella per il lavoro svolto.

Ora lo stesso lavoro sarà da ritoccare e sistemare…… e i cittadini pagano!

 

Giovanni Furlani

RISULTATI DEFINITIVI ELEZIONI 2018 SAN COSTANZO

Collegio unin. 05 – FANO – Comune di SAN COSTANZO

Sezioni: 4 / 4 (Tutte)
Candidati uninominali e liste Voti %
MAURIZIO CATTOI 1.075 38,86
MOVIMENTO 5 STELLE MOVIMENTO 5 STELLE 1.019 38,38
ELISABETTA FOSCHI 957 34,59
LEGA LEGA 471 17,74
FORZA ITALIA FORZA ITALIA 321 12,09
FRATELLI D'ITALIA CON GIORGIA MELONI FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 125 4,70
NOI CON L'ITALIA - UDC NOI CON L’ITALIA – UDC 18 0,67
CAMILLA FABBRI 575 20,78
PARTITO DEMOCRATICO PARTITO DEMOCRATICO 492 18,53
+EUROPA +EUROPA 45 1,69
ITALIA EUROPA INSIEME ITALIA EUROPA INSIEME 11 0,41
CIVICA POPOLARE LORENZIN CIVICA POPOLARE LORENZIN 2 0,07
BEATRICE BRIGNONE 75 2,71
LIBERI E UGUALI LIBERI E UGUALI 70 2,63
LUCIANA ROTA 28 1,01
PARTITO COMUNISTA PARTITO COMUNISTA 28 1,05
ROSARIA DIAMANTINI 23 0,83
POTERE AL POPOLO! POTERE AL POPOLO! 22 0,82
MANUELA FOIS 17 0,61
CASAPOUND ITALIA CASAPOUND ITALIA 17 0,64
GABRIELE PIERELLA 16 0,57
IL POPOLO DELLA FAMIGLIA IL POPOLO DELLA FAMIGLIA 14 0,52
SIMONA MARIA BAMBINA BANFI
LISTA DEL POPOLO PER LA COSTITUZIONE LISTA DEL POPOLO PER LA COSTITUZIONE
TOTALE Uninominale 2.766 100,00
Proporzionale 2.655
Elettori: 3.750 | Votanti: 2.857 (76,18%) Schede non valide: 91 ( di cui bianche: 47 ) Schede contestate: 0 | Dato aggiornato al 05/03/2018 – 07:42

Collegio unin. 01 – PESARO – Comune di SAN COSTANZO

Sezioni: 4 / 4 (Tutte)
Candidati uninominali e liste Voti %
DONATELLA AGOSTINELLI 987 39,16
MOVIMENTO 5 STELLE MOVIMENTO 5 STELLE 938 38,56
ANNA BONFRISCO 866 34,36
LEGA LEGA 434 17,84
FORZA ITALIA FORZA ITALIA 286 11,75
FRATELLI D'ITALIA CON GIORGIA MELONI FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 118 4,85
NOI CON L'ITALIA - UDC NOI CON L’ITALIA – UDC 9 0,37
ANGELO BONELLI 532 21,11
PARTITO DEMOCRATICO PARTITO DEMOCRATICO 474 19,49
+EUROPA +EUROPA 38 1,56
CIVICA POPOLARE LORENZIN CIVICA POPOLARE LORENZIN 5 0,20
ITALIA EUROPA INSIEME ITALIA EUROPA INSIEME 3 0,12
MAURIZIO FRANCA 60 2,38
LIBERI E UGUALI LIBERI E UGUALI 57 2,34
GIULIO MARIA BONALI 19 0,75
PARTITO COMUNISTA PARTITO COMUNISTA 19 0,78
GIUSEPPE CUCCHIARINI 17 0,67
POTERE AL POPOLO! POTERE AL POPOLO! 16 0,65
DONATELLA RUZZI 11 0,43
IL POPOLO DELLA FAMIGLIA IL POPOLO DELLA FAMIGLIA 9 0,37
MARIANO CIUCCIOVE’ 10 0,39
ITALIA AGLI ITALIANI ITALIA AGLI ITALIANI 9 0,37
CRISTINA RAIMONDI COMINESI 10 0,39
CASAPOUND ITALIA CASAPOUND ITALIA 9 0,37
ENRICO GIOMMI 6 0,23
PARTITO VALORE UMANO PARTITO VALORE UMANO 6 0,24
DAVIDE MARGIOTTA 1 0,03
PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA 1 0,04
LAMBERTO ROBERTI 1 0,03
LISTA DEL POPOLO PER LA COSTITUZIONE LISTA DEL POPOLO PER LA COSTITUZIONE 1 0,04
TOTALE Uninominale 2.520 100,00
Proporzionale 2.432
Elettori: 3.445 | Votanti: 2.603 (75,55%) Schede non valide: 83 ( di cui bianche: 38 ) Schede contestate: 0 | Dato aggiornato al 05/03/2018 – 05:32

Azzardo: scommettiamo che vinco?

Non lo si può negare, quello del gioco d’azzardo, numeri alla mano, è un settore che tira.

Tira nel vero senso della parola; da una parte il fatturato, le giocate e la diffusione, aumentano costantemente anno dopo anno, dall’altra parte sempre più persone vengono “tirate” giù in quel vortice che è la dipendenza da gioco d’azzardo.

La cronaca ormai costantemente ci segnala casi di genitori che, disconnessi dalla realtà della propria vita famigliare e sociale, arrivano anche a perdere totalmente il controllo dei propri piccoli figli, ammaliati, incantati e stregati, dall’ossessione di averla vinta nei confronti della sorte.

Ma quanto vale in soldoni questa “malattia” nel nostro territorio?

Ve lo dico subito: 464,00 €/abitante.

Questo è il calcolo elaborato dal gruppo Espresso, partendo dai dati condivisi dall’Aams (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) relativi all’anno 2016.

AL seguente LINK, è possibile verificare la situazione del proprio Comune, e capire quali sono i dettagli di questa vera e propria epidemia sociale.

Rispetto ai comuni limitrofi non siamo messi malissimo, forse a causa del limitato numero di apparecchi o dal tipo presenti sul territorio, ma sicuramente la quota potrebbe aumentare solo se si potessero considerare le giocate fatte dai nostri cittadini fuori dal territorio comunale o su altre piattaforme.

2.210.000,00 € (duemilioniduecentomilaeuro) questo è l’ammontare delle giocate per l’anno 2016 nel Comune di San Costanzo. 

Quante risorse tolte spesso a bilanci famigliari già indeboliti dalla crisi.

Se pensiamo che anche questo problema non ci riguardi, ci sbagliamo. In questo periodo di difficoltà infatti, sono spesso le persone meno abbienti, con più difficoltà economiche, a ricercare la soluzione dei propri problemi, sfidando la sorte, convinti che con questa ultima giocata fortunata, tutto si sistemerà. La cruda realtà è un’altra dove vincono davvero, tutti coloro che non giocano affatto.

Come comunità possiamo fare sicuramente la nostra parte, fatta principalmente di informazione e di azioni mirate al controllo della diffusione del gioco e dei mezzi per esso utilizzati.

Proviamoci tutti insieme, ne va per il bene di tutti noi.

Giovanni Furlani

 

MODI DI DIRE E DI FARE

Nel vissuto di tutti i giorni, facciamo spesso uso di modi dire, locuzioni, proverbi, per sottolineare, avvalorare e marcare certe azioni, espressioni o comportamenti.

Facendo però attenzione, notiamo che alcuni di loro sono antagonisti come, ad esempio, il detto “chi non risica non rosica” è contrapposto al “chi si accontenta gode” per cui, nella stessa situazione, non sempre i detti ci aiutano in maniera infallibile.

“Verba volant scripta manent”, “carta canta“ e “mettere nero su bianco” sono tre modi di dire che remano tutti e tre nella stessa direzione. Il significato comune infatti è quello di sottolineare come di fronte ad una traccia scritta, di un accordo o di un contratto scritto e firmato dalle parti, è più semplice ricostruire l’accaduto e, con questo, ritrovare una pseudo-verità, rispetto allo stesso accordo, definito a parole.

Queste tre espressioni mi servono per supportare alcune stranezze che mi sono capitate in sede di consiglio comunale. Il 12 aprile scorso infatti, tra i punti all’ordine del giorno della seduta consiliare, ce n’era uno riguardante un atto ricognitivo circa la proprietà dell’area di un frustolo di terreno sito all’interno delle mura castellane del nostro paese.

Poco importa se la proposta di delibera ci era stata presentata come una richiesta di rendere alienabile quslla proprietà, che sottintendeva la volontà del nostro ente di rinunciare alla proprietà stessa, rendendosi disponibile alla cessione del terreno, per poi in C.C. discutere esattamente del contrario.

La cosa veramente strana è che da quanto emerso presso l’archivio catastale (organo ufficiale al quale chiunque, notai compresi, fa riferimento per ogni tipo di visura catastale per terreni ed immobili) sembrerebbe che il frustolo di terreno sia di proprietà del nostro comune (registrazione al catasto del 25 agosto 1976) mentre, e questa è la teoria dei nostri tecnici e di alcuni nostri amministratori, la proprietà è sempre stata privata. A suggello di questa posizione, si riporta la presenza di una totale recinzione del terreno con siepe interna, di una ricerca storica presso il catasto pontificio del 17° secolo, di una relazione tecnica di un professionista locale datata 1 agosto 1976 e, infine, di testimonianze di anziani i quali ne confermerebbero la recinzione da tempo immemore, con la conseguente logica pertinenza all’immobile stesso.

Tutto chiaro ora?

In tutto questo mi domando perché dovrei prendere per buono quanto riportato su un documento del catasto pontificio del 17° secolo e non ritenere valido quanto indicato nel documento del catasto del 20° secolo?

Per quale motivo il professionista, nella sua relazione tecnica dell’agosto 1976, ne descrive la pertinenza all’immobile mentre, sempre nello stesso mese di agosto 1976, risulterebbe di proprietà del nostro Ente?

Non vi sembra un po’ eccessivo, in un atto pubblico, schierare documenti del catasto pontificio del 1600 insieme a ricordi di anziani compaesani? Chi sono questi anziani? Chi rappresentano?

La cosa buffa è che quando queste situazioni coinvolgono interessi tra privati, queste discussioni si risolvono sempre facendo ricorso ai documenti ufficiali (quelli presenti al catasto) interpretandoli al meglio con tecnici e legali. Quando invece ad essere coinvolta è la proprietà pubblica, le difficoltà e le risoluzioni sono le più disparate e fantasiose possibili.

Per concludere lancio due piccoli spunti di riflessione: Chi pagherà secondo voi le spese per l’aggiornamento della proprietà al registro del catasto? Se la delibera di consiglio comunale diverrà esecutiva, si riconoscerà che il frustolo di terreno non è di proprietà comunale ma dei privati proprietari dell’immobile; verranno quindi richieste dal nostro comune le tasse di proprietà, a questo punto non versate, dal 1976 ad oggi?

“Campa cavall’ che l’erba cresc’”!

Giovanni Furlani

Interrogazione n. 2016-006 – Commissione edilizia

Gent.mo Sindaco,

all’interno del Regolamento Edilizio comunale vigente, al Titolo IV “Commissione Edilizia Comunale” in seno all’Art. 14, vengono definite le modalità di composizione, la durata, il funzionamento, le funzioni e le competenze della commissione edilizia comunale.

Tale organismo consultivo opera a supporto delle attività dell’Ente, in materia urbanistica/edilizia.

Il Regolamento stesso, al comma “a” definisce come i membri elettivi della commissione (tutti i componenti escluso il Presidente, ruolo spettante al responsabile del settore urbanistica o suo delegato) debbano essere nominati dal Consiglio Comunale, mentre al comma “c”, con il passaggio “Tutti gli altri membri rimangono in carica quanto il Consiglio Comunale che li ha designati e comunque sino alla nomina dei nuovi membri da parte del Consiglio Comunale subentrante” dove per “tutti gli altri membri” ci si riferisce ai membri della Commissione Edilizia, escluso il solo Presidente per il quale la durata dell’incarico viene definita al comma “b”, se ne stabilisce la fine dell’incarico. Il comma “c” prosegue “I membri elettivi non sono eleggibili per due mandati successivi ..”.

Analizzando ora la situazione ci accorgiamo che il presente Consiglio Comunale insediatosi in data 11 giugno 2014, non ha mai nominato i membri della Commissione Edilizia e che quella al momento attiva, risulta essere la stessa nominata dalla precedente amministrazione in data 30 novembre 2009, esattamente sette anni or sono.

Quando il 26 luglio scorso, in sede di Consiglio Comunale avevamo sollevato la problematica della Commissione Edilizia “Fuori corso”, il Sindaco, appellandosi alla “prorogatio”, ne aveva confermata l’esistenza e la sua idoneità ad operare. Peccato però che il regolamento edilizio cozzi con la prorogatio e che quest’ultima, sia sì strumento in mano alle amministrazioni per operare in continuità tra la scadenza degli organi amministrativi e la loro conseguente rinomina, ma che tale periodo-ponte non possa superare i quarantacinque giorni, come indicato nel testo del D.L. 293 del 1994 convertito nella legge n. 444 del 15 luglio 1994, all’art. 3.

Attraverso l’accesso agli atti effettuato, con il quale abbiamo chiesto copia delle richieste inviate agli ordini e ai collegi professionali di riferimento, per la determina delle terne dei tecnici

 

 

eleggibili, è emerso come già nell’autunno 2014 il tutto fosse stato richiesto dagli uffici interessati, ma che a distanza di quasi due anni, una terna ricevuta risultava essere scaduta, altre non erano ancora state comunicate e per le restanti occorresse verificarne la validità. Negli stessi giorni dell’accesso agli atti, sono stati poi riemesse le richieste agli ordini, invitando gli stessi a rispondere entro il 30 settembre scorso.

Tutto ciò premesso, il sottoscritto Giovanni Furlani nato a Fano (PU) il 7 luglio 1969 e residente a San Costanzo in Via XXV Aprile, 4/F, in qualità di Consigliere Comunale per il “Movimento 5 Stelle di San Costanzo”,

INTERROGA IL SINDACO

  • Come mai, a distanza di più di due anni dall’insediamento della nuova amministrazione non si sia provveduto alla nomina dei membri elettivi della Commissione Edilizia, come da Regolamento Edilizio in essere?
  • Come mai non si è provveduto, decorsi i termini di legge di applicabilità della prorogatio, allo scioglimento della Commissione Edilizia o comunque all’inibizione del suo operato all’interno delle funzioni di supporto alle attività dell’Ente, in materia urbanistica/edilizia?
  • Per quale motivo sia per l’anno 2015 che per il 2016 sono state discusse in C.C. le proposte di delibere relative alla possibilità da parte dell’Ente, proposte poi rese esecutive, di usufruire del supporto della Commissione Edilizia, senza neanche informare il Consiglio Comunale durante la relativa discussione, della anomala situazione di prorogatio alla quale si era di fronte?
  • Come mai non si è sollecitato o chiesto riscontro agli uffici di competenza, sullo stato delle richieste delle terne agli ordini e ai collegi professionali?
  • Qualora fossero confermate le supposizioni di illegittimità dell’operato della Commissione Edilizia per carenza di potere, a partire dall’agosto 2014 a seguire, potrebbe essere considerato illegittimo tutto l’operato svolto nello stesso periodo. È intenzione dell’Ente operando in autotutela, procedere con l’annullamento di tutti gli atti prodotti, anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 464 del 1994?
  • Quali sono le azioni e le relative tempistiche che, alla luce della presente interrogazione, l’Amministrazione intenderà intraprendere?

 

Il Consigliere

Giovanni Furlani

 

“Corado, do’ ha rott l’acqua?” Corado:”In ti tub!!”

L’occasione per scrivere questo mio piccolo passaggio me lo dà lo stato della nostra rete idrica. Negli ultimi due mesi ho personalmente segnalato al nostro gestore del servizio rete idrica, almeno quattro grosse rotture. Il gestore da par suo prende in carico la segnalazione e, con i suoi tempi e la sua organizzazione, interviene e ripara.

L’ultima mia segnalazione risale a sabato alle 19:30 con la quale ho segnalato una grossa perdita in Via Martiri della Resistenza, teatro di altre tre riparazioni nell’ultimo mese circa, sintomo che probabilmente è la condotta in condizioni critiche. A distanza di più di ventiquattro ore la perdita è ancora lì, a sversare litri e litri di acqua dalla rete direttamente alla fogna, in contrasto all’ordinanza che a noi cittadini, regolamenta e limita l’utilizzo di acqua potabile per tutte quelle attività non direttamente riconducibili al consumo umano. Già ventiquattro ore dalla segnalazione e tutto quello che il gestore è riuscito a fare è limitato ad una freccia di vernice rossa sull’asfalto, come a voler indicare un passaggio di qualche incaricato, una conferma dell’effettiva emergenza, una localizzazione certa.

Allora la mia mente torna indietro nel tempo, quando questo servizio era gestito internamente dal nostro Comune, quando nella mente di quelli che chiamavamo “i fontanar”, erano memorizzate tutte le condotte, le valvole, le derivazioni che permettevano la distribuzione di quella ricchezza chiamata acqua.

Erano altri tempi. I tempi in cui non era necessario telefonare per segnalare un guasto, perché tu te ne accorgevi nel momento in cui dal tuo rubinetto iniziava a filare, conseguenza dell’intercettazione della linea, perché i lavori erano già iniziati. Corado de’ Budell, Zeno del Goff, Camilett o Fiorenzo, erano pronti a qualsiasi ora con qualsiasi strumento ad intervenire tempestivamente per fermare la fuga di quell’acqua, che noi addirittura bevevamo. Spesso, in cambio del loro pronto intervento, del loro attaccamento alla professione, del buon esito sul lavoro svolto, si faceva girare un bottiglione di vino con un paio di bicchieri, come a dire “l’acqua l’abbiamo ridata, ma a noi piace più il vino”.

Oggi non è più così. La gestione non è più interna al Comune ma ceduta a chi ne fa un business. Non sarà certamente il gestore che pagherà i metri cubi di acqua sprecati e poco a lui importa se a San Costanzo c’è questa emergenza; tra i tanti comuni e reti gestite, probabilmente ci saranno altre priorità ed altre urgenze…. forse; ma è il gestore che dovrebbe intervenire con tutte quelle azioni a livello impiantistico, atte a riparare o a migliorare lo stato delle cose. Noi le aspettiamo, come aspettiamo l’intervento in Via Martiri della Resistenza, ma lasciatecelo dire: “A noi i fontanar piacevano di più”.

Comunicazione al C.C. n. 2016-002

Gent.mo Segretario, gent.mo Sindaco e gent.mi assessori e colleghi consiglieri,
a distanza di più o meno due anni dal nostro insediamento, mi sento in dovere di rivolgermi oggi a Voi, in questa seduta di Consiglio, per cercare di condividere alcune mie preoccupazioni e problematiche incontrate in questo ultimo periodo, nello svolgimento delle mie mansioni di cittadino, di pubblico ufficiale e di portavoce in Consiglio Comunale e capire quali migliorie attuare per poter meglio contribuire ad amministrare il nostro Comune.
Per farlo al meglio, abbiamo a disposizione delle normative europee, nazionali e regionali, statuti e regolamenti comunali oltre ad azioni dirette quali ordinanze, delibere di giunta e di consiglio.
L’applicazione alla lettera e l’utilizzo di questi strumenti che ho appena elencato, diventano imprescindibili nell’eventualità si miri ad un governo equo, corretto ed intransigibile.
A questi tutti noi cittadini dobbiamo riferirci per poter convivere nel rispetto sì delle regole ma, soprattutto, nel rispetto degli altri e della comunità tutta.
Diventa allora importante che questi strumenti siano redatti nel modo più attento e preciso possibile e, la loro totale applicazione, condizione unica da rispettare da parte di ogni singolo cittadino e ancor più per noi amministratori.
Una delle mie prime proposte come portavoce in Consiglio Comunale, fu la mozione 2015-04 dell’aprile 2015, dove tra le altre richieste c’era quella di modificare l’art. 40 del “Regolamento del Consiglio Comunale” “aggiornando” quanto descritto al comma 1 e comma 2, in merito alle modalità di convocazione dei consigli comunali; la mia mozione non passò per 8 voti contrari contro i 3 favorevoli, ma in quella discussione mi informaste di come già lo Statuto Comunale, prevedesse metodi più contemporanei a quello del messo citato nel regolamento del Consiglio Comunale. Ma visto che a novembre 2015 si sono apportate modifiche importanti allo stesso Regolamento del Consiglio (quelle relative alla registrazione audio dei C.C.), non era forse il caso di riportare le modifiche anche dell’articolo 40, già passate in Consiglio?
Sempre nello stesso Regolamento all’art. 26 si fa riferimento ai diritti di accesso agli atti da parte dei consiglieri Comunali. Cito questo articolo poiché il 24 Giugno scorso, tramite posta elettronica, ho richiesto copia di un’ordinanza. Cinque giorni dopo, sempre tramite e-mail ho richiesto una previsione dei tempi di evasione alla mia richiesta. Non avendo ricevuto alcuna risposta alle mie e-mail, l’indomani ho contattato telefonicamente la segreteria chiedendo un aggiornamento sullo stato della mia pratica. In risposta mi è stato detto che si era in attesa del consenso del Sindaco per poter rilasciare copia del documento. Recatomi di persona in segreteria, ho ricevuto copia dell’ordinanza, previo consenso telefonico del Sindaco. Vi sembra normale tutto ciò? È normale che un accesso agli atti, in particolare il rilascio di una semplice copia di un’ordinanza in quel momento in vigore, debba essere sottoposto all’avvallo del Sindaco? Non ho trovato né nello Statuto Comunale né su altri regolamenti a mia disposizione, nulla in merito; permettetemi di essere alquanto indignato ed amareggiato.
Sul Regolamento Edilizio all’art. 14, vengono definite tra l’altro, le modalità di composizione e costituzione della Commissione Edilizia. La nomina dei componenti la commissione spetta al Consiglio Comunale e, fatta eccezione per il Presidente, in carica per la durata dell’incarico di responsabile del servizio, tutti gli altri membri rimangono in carica quanto il Consiglio Comunale che li ha designati e comunque sino alla nomina dei nuovi membri da parte del Consiglio comunale subentrante.
Dal 2014, anno dell’insediamento dell’attuale Amministrazione ad oggi, non mi risultano consultazioni e/o passaggi in Consiglio Comunale, atte al rinnovo della Commissione Edilizia eletta con delibera di C.C. n. 60 del 30 Novembre 2009. È forse il Regolamento Edilizio a non essere aggiornato, o questa Amministrazione non ha applicato quanto il Regolamento prevede in merito?
E tutti gli atti approvati dalla commissione edilizia dall’estate 2014 ad oggi, si possono considerare validi o non legalmente riconosciuti poiché emessi da una commissione i cui componenti non potrebbero presenziare poiché già nominati dalla precedente amministrazione? “..I membri elettivi non sono eleggibili per due mandati successivi” Molti di noi, in particolar modo quelli al primo mandato, nel novembre 2009 non erano parte attiva della nostra comunità; altri, mi riferisco al Sindaco, agli assessori Camilloni e Sorcinelli e ai consiglieri Mencoboni, Camilloni Giacomo e Stefanelli, a quella seduta di consiglio comunale hanno partecipato, contribuendo pertanto alla nomina della commissione ancora in carica. Cosa stiamo aspettando?
Forse ai più di voi queste mie segnalazioni risulteranno semplici ed irrilevanti imprecisioni, non meritevoli di alcuna discussione in questa sede; per me invece sono segnali inequivocabili di superficialità e di pressapochismo nell’applicazione delle mansioni, degli oneri e delle responsabilità alle quali, noi amministratori siamo tenuti, quali rappresentanti di una comunità intera. Per fortuna che i nostri consigli comunali sono di solito deserti, altrimenti che buon esempio daremmo ai nostri elettori?
A proposito di comunità e poi con questo concludo; ricordo a tutto il Consiglio Comunale che l’8 maggio scorso è stata presentata una petizione popolare per sensibilizzare il Sindaco ed il Consiglio Comunale nei confronti di una valutazione del Piano sanitario di area vasta, da mesi oggetto di proposte, dichiarazioni e smentite. Da quell’8 Maggio non abbiamo ricevuto alcun riscontro in merito, né in consiglio comunale né come comuni cittadini.
Lo Statuto Comunale con l’articolo 27 al comma 2 cita in merito “I cittadini, singoli o associati, possono rivolgere al Comune istanze, petizioni e proposte dirette a promuovere interventi per la migliore tutela di interessi collettivi alle quali viene data risposta scritta nel termine di trenta giorni dal loro ricevimento. Il Sindaco, in considerazione della loro rilevanza, può inserire le questioni sollevate all’ordine del giorno della prima seduta utile del competente organo comunale convocata dopo la scadenza di detto termine. Il Sindaco valuta l’opportunità di inserire nel predetto ordine del giorno le questioni alle quali non sia stata data risposta scritta nel termine di trenta giorni.
È chiaro quindi come il nostro Sindaco reputi la petizione non rilevante e non opportuna di passaggio in Consiglio Comunale, allo stesso tempo non meritevole di alcun riscontro a quanti, nostri concittadini, hanno manifestato una propria posizione, una propria volontà.

Movimento 5 Stelle San Costanzo
Giovanni Furlani

Mozione n. 2016-001

Mozione n. 2016-001

OGGETTO MOZIONE DECORO URBANO
PROPOSTA DI ADESIONE DEL COMUNE DI SAN COSTANZO AL PROGETTO “DECORO URBANO”, UNO STRUMENTO PARTECIPATIVO PER LA SEGNALAZIONE DEL DEGRADO.

Il Consiglio Comunale di San Costanzo

PREMESSO CHE
– Sono già tantissimi i paesi che negli ultimi anni hanno scelto di adottare gli strumenti del web 2.0 per creare un filo diretto tra cittadini e amministrazioni pubbliche;
– Lo strumento, sviluppato dalla MAIORA LABS S.r.l. (Allego Brochure Presentazione scaricabile anche dal link http://www.decorourbano.org/docs/Decoro_Urbano.pdf) si autoalimenta e ciò che da noi sembra ancora surreale, in molte città del mondo ha già preso il via e registra una crescita e un gradimento costante nell’ambito dell’e-Government.

CONSIDERATO CHE
– DECORO URBANO è un servizio web 2.0 per una cittadinanza attiva, la proposta per un filodiretto tra i cittadini e le istituzioni;
– DECORO URBANO è uno strumento gratuito per il cittadino, un sito e un’applicazione mobile per la segnalazione dei disagi via smartphone e pc;
– DECORO URBANO è uno strumento gratuito per le istituzioni, un servizio innovativo per comunicare in modo inequivocabile la presenza sul territorio e la tutela dei beni comuni;
– DECORO URBANO è un progetto in costante sviluppo ed attualmente è possibile inviare segnalazioni in merito a:

– RIFIUTI
– DISSESTO STRADALE
– ZONE VERDI
– VANDALISMO/INCURIA
– SEGNALETICA
– AFFISSIONI ABUSIVE
ed aggiornamenti futuri includono l’inserimento di nuove categorie quali RANDAGISMO, BARRIERE ARCHITETTONICHE, INQUINAMENTO ACUSTICO ecc. per offrire una copertura completa delle problematiche urbane.
– la risoluzione di un problema comunicata attraverso DECORO URBANO ottiene ampia visibilità in rete e raggiunge rapidamente la community e che è inoltre possibile informare automaticamente i cittadini in merito allo stato delle proprie segnalazioni e/o di quelle relative alla propria zona;
– attraverso la completa integrazione con i social network, gli interventi ottengono un’ulteriore risonanza mediatica e riscuotono il consenso di tutta la community.
RITENUTO
– che usufruendo di DECORO URBANO gratuitamente la nostra Amministrazione potrebbe avvicinare e rendere fattiva la collaborazione con la cittadinanza;
– che affidando la gestione del software e delle segnalazioni al Servizio Manutenzione del Comune si ottimizzerebbero anche i tempi di intervento dello stesso;
– che il Movimento 5 Stelle potrebbe, oltre a farsi portavoce della seguente proposta, farsi carico della pubblicizzazione e della diffusione dell’iniziativa a livello Comunale, nonché seguire lo sviluppo e l’affiancamento all’amministrazione per l’attivazione dello strumento.
IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA COMUNALE AFFINCHÉ
– approvino l’adozione dello strumento DECORO URBANO per un miglior rapporto e dialogo con la cittadinanza.
Si chiede l’iscrizione della presente mozione all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Cordialmente.

Movimento 5 Stelle San Costanzo
Giovanni Furlani

CONSORZIO DI BONIFICA – M5S chiede parere di legittimità a Sindaci e segretari generali dei Comuni

Nelle scorse settimane sono pervenuti a tutti i proprietari di terreni e di fabbricati in area extra-urbana ed ai gestori del servizio idro-potabile che si trovino nel territorio regionale soggetto a bonifica, gli avvisi di pagamento per il contributo di bonifica e del servizio irriguo relativi agli anni 2014 e 2015, da parte del Consorzio di Bonifica delle Marche.
Il Consorzio di Bonifica è un ente di diritto pubblico che cura l’esercizio e la manutenzione delle opere pubbliche di bonifica e controlla l’attività dei privati, sul territorio di competenza (comprensorio di bonifica).
I consorzi di bonifica erano già previsti nel regio decreto 8 maggio 1904, n. 368 di approvazione del regolamento sulle bonificazioni delle paludi e dei terreni paludosi, tuttora in vigore in alcune parti (polizia di bonifica). Il regio decreto 13 febbraio 1933 n. 215 che reca nuove norme per la bonifica integrale e approva il testo unico, contiene le norme statali di riferimento per le Regioni alle quali oggi compete la disciplina normativa della materia. Con la Legge Regionale 17 giugno 2013 n. 13 Riordino degli interventi in materia di Bonifica e di Irrigazione.Costituzione del Consorzio di Bonifica delle Marche e fusione dei Consorzi di Bonifica del Foglia, Metauro e Cesano, del Musone, Potenza, Chienti, Asola e Alto Nera, dell’Aso, del Tenna e del Tronto” è stato costituito il “Consorzio di Bonifica delle Marche”
Il consorzio di bonifica così creato “è un consorzio obbligatorio costituito tra tutti i proprietari degli immobiliinclusi nel comprensorio per il beneficio che ricevono o possono ricevere dalle attività di manutenzioneidraulico forestale di cui al d.p.r. 14 aprile 1993 (Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri emodalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale)” (art.6 L.R. 13/2013);Il Consorzio di Bonifica delle Marche è quindi per legge regionale identificato come un “consorzio obbligatorio”.
Sulla legittimità di tale obbligatorietà e del contributo richiesto abbiamo presentato una interpellanza ai Sindaci ed al Segretari Generali dei nostri Comuni al fine di avere dagli stessi una pronuncia ed un parere di merito, visto che anche i Comuni, se proprietari di immobili ricadenti nel comprensorio di bonifica, sono tenuti al versamento del contributo obbligatorio. L’interpellanza circostanzia le criticità in merito alla correttezza della obbligatorietà del Consorzio, riportando dettagliate motivazioni. Nell’atto, inoltre, si fornisce un ampio quadro giurisprudenziale, che risulta invero piuttosto controverso, in merito alla legittimità del contributo richiesto.
Tutto ciò premesso, si chiede pertanto
1) se il Comune risulti proprietario di immobili ricompresi fra quelli ricadenti negli obblighi contributivi nei confronti del Consorzio di Bonifica Marche;
2) se il Comune sia stato destinatario di avviso di pagamento del contributo per gli anni 2014 e 2015 e per quali importi;
3) se gli Uffici e l’Amministrazione abbiano ritenuto necessario un approfondimento istruttorio al fine di verificare la piena legittimità della costituzione del Consorzio obbligatorio e del contributo;
4) se, anche sulla base del quadro giuridico, normativo e giurisprudenziale sopra descritto e viste le implicazioni economiche per l’Ente e/o per i cittadini della contribuzione prevista, ritengano pienamente legittimi la costituzione del Consorzio obbligatorio di Bonifica delle Marche ed il contributo richiesto;
5) quali azioni intendano mettere in campo, anche agli esiti delle verifiche e degli accertamenti necessari per evadere le richieste ed i quesiti di cui ai punti precedenti.
In questo modo, riteniamo che i competenti uffici del Comune saranno costretti ad esprimersi nel merito per dirimere i dubbi sollevati aprendo una apposita istruttoria. Valuteremo con estrema attenzione quelle che saranno le posizioni assunte e le motivazioni che verranno articolate, anche al fine di adottare (ed eventualmente di far adottare anche dal Comune stesso) le conseguenti azioni nei confronti della Regione e del Consorzio a tutela dei cittadini e per il rispetto dei principi di legalità, efficacia, imparzialità, ragionevolezza e buon andamento della Pubblica Amministrazione.
1 settembre 2015
M5S Fano
M5S Jesi
M5S Gabicce
M5S Maiolati Spontini
M5S Polverigi
M5S San Costanzo
M5S Tavullia
M5S Vallefoglia