Archive for Lavoro

Che bei programmi!

Enogastronomico, biologico, FORMAGGI….! Ne ho sentite troppe! Ma vi leggete? Vi ascoltate?

Di punto in bianco dopo anni di disinteresse spuntano così tante novità?

Dopo lo sbigottimento per così tanto interesse subentra la razionalità, e qui mi trovo sconcertato!

Quale percorso enogastronomico  che attirerebbe un certo tipo di turisti?

Ma sapete quante aziende agricole producono per la vendita diretta? POCHE! ancora troppo poche, tra l’altro alcune di queste producono ortofrutta (compresa la mia) stagionale, che essendo facilmente deperibile senza una adeguata programmazione rimane difficoltoso collegare a percorsi turistici.

Di che percorsi parliamo? Si dovevano riempire spazi vuoti? Ma un giro sul territorio? Sapete ultimamente quanto coinvolgimento delle associazioni di categoria c’è stato?Lo immaginate?Per scrupolo ho contattato 2 tra le principali e negli ultimi 5 anni ZERO! Ma dove eravate fino ad ora? Adesso però il must è coinvolgere… Sembrano (per me sono) format pre confezionati per dare lustro ai programmi e concedersi un altro lustro di inerzia…

NO! io non ci sto!

Occorre ORGANIZZARE: Registri (sia fisici che multimediali) di produzioni e periodi dove sia i cittadini che le rivendite possono accedere per conoscere e scegliere.

Occorre AGGREGARE: Certificazione del territorio NO OGM (strano che nessuno ne parli). Unire superfici per veder aumentare prospettive e potere contrattuale, con aziende moltiplicatrici di seme, di lavorazione prodotti freschi, allevatori che necessitano di mangimi per garantire ed accorciare la filiera.

C’è da restituire redditività alle imprese! Non si è potuto verificare il ricambio generazionale perché non era economicamente sostenibile!Per cui gli anziani (o almeno buona parte di loro) ce l’hanno già il terreno per l’orto!

E’ auspicabile invece un progetto per dare la possibilità agli anziani proprietari di piccoli appezzamenti di frazionare in piccole unità  ed affittare alle famiglie giovani e meno o a chi vuole , ad un canone vantaggioso che però sommato per il numero di piccoli appezzamenti potrebbe costituire un’alternativa ai contratti capestri a favore di grandi contoterzisti;  tra l’altro potrebbe essere un inizio di laboratorio della memoria all’aria aperta, coinvolgendo anche i meno giovani.

Dare gli strumenti per iniziare una BIO…. LOGICA, che è ben diverso dal solo incentivare le coltivazioni certificate biologiche (tra l’altro allo stato attuale nel nostro territorio non è che se ne contano tanto.. ed una è a metà..), BIO…LOGICA vuol dire contenere l’impatto sull’ambiente, avvicendare colture, trovare una soluzione per lo smaltimento degli imballaggi speciali ed ordinari! Quanto ancora vogliamo mettere la testa sotto la sabbia? Gli agricoltori sono i guardiani silenziosi del territorio, non un semplice voto da accattivarsi con discorsi di rito vuoti e privi di contenuto.

L’ipocrisia italiana

cercare-trovare-offrire-lavoroStamattina seguendo i telegiornali mi hanno colpito due servizi, in uno vedevo Bonanni, segretario della CISL, nel secondo il presidente Giorgio Napolitano; entrambi parlavano della difficoltà del lavoro in Italia.

Ho trovato estremamente ipocriti questi due interventi, sono rimasto allibbito da quanto ancora la gente si faccia prendere in giro.

I sindacati nazionali sono anni che si sono trasformati in organi politici, derivazioni di partiti come forze di reclutamento voti sul territorio, nelle fabbriche e nelle aziende in generale.
Sono molti anni che non vedo i sindacati difendere seriamente i lavoratori, il loro comportamento cambia a seconda di chi sta al governo. Il lavoratore non è più stato messo al centro della loro attenzione da molto tempo, molti diritti degli stessi sono stati calpestati proprio dai governi, non dalle aziende come hanno voluto far credere. I primi a rovinare il mondo del lavoro sono stati i governi in accordo coi sindacati, continuando a tassare il lavoro dipendente in maniera spropositata e strangolando le aziende con regole capestro che non hanno altro che potuto portare al licenziamento di molti persone, anche quando invece ci sarebbe stato bisogno di manodopera.

Se in Italia oggi gli stipendi sono i più bassi della media europea è colpa dei sindacati e dei governi passati che hanno trattato i lavoratori come carne da macello e non come risorsa per lo sviluppo economico di tutto il paese.

E ora vengo al presidente Napolitano, anche il suo intervento mi ha fatto rabbrividire, perhè egli è già da qualche anno che avvalla le operazioni scellerate dei governi che ha di fatto permesso contro la stessa costituzione italiana, imponendo 2 presidenti del consiglio senza che fossero legittimati da elezioni, di questi il primo in particolare non ha fatto altro che distruggere le imprese italiane strozzandole di tasse e costringedole a licenziare migliaia di lavoratori.

Traete le Vs conclusioni e ditemi se volete ancora votare queste persone o volete veramente riprendere in mano il Vs destino e quello dell’Italia?

Il nostro programma elettorale

Logo M5S FANOFinalmente è on line il nostro programma elettorale, studiato, ragionato e sviscerato in ogni suo punto per migliorare la qualità della vita del nostro “paesello” San Costanzo.

Questo è il frutto di tante riunioni, di incontri coi cittadini durante i quali abbiamo ascoltato le loro richieste, ma soprattutto è il frutto dell’amore e della passione di una squadra che vuole vivere meglio e più serenamente il proprio paese.

Il programma è stato stilato in maniera professionale, ad ognuno è stato affidato il compito di recuperare e sviluppare le idee su cui lavorare, ha creato una bozza, ne ha funto da relatore, e tutti assieme abbiamo collaborato poi alla stesura finale delle nostre proposte da fare alla cittadinanza.

Sulla destra di questo sito troverete un menù dedicato al programma elettorale, cliccate sopra ogni voce e vedrete sinteticamente cosa vogliamo ottenere se ci darete la preferenza, il nostro impegno sarà mirato a raggiungere quegli obiettivi; al termine dell’illustrazione del singolo punto di programma trovate il link al CV del candidato che lo ha sviluppato in maniera tale da valutarne anche la professionalità che ha messo sul piatto e quindi la credibilità.

Volevamo aspettare fino a Domenica per la pubblicazione, ma le insistenze dei cittadini hanno avuto la meglio, abbiamo quindi deciso di anticipare la messa on line anche perchè consapevoli che probabilmente non ci sarà il tempo necessario per spiegarvi in maniera dettagliata e completa tutti i punti proposti.

Ricordate…se qualcun’altro vi propone le stesse cose da oggi in poi saprete dove ha copiato!!!

Il lavoro

file6491315307072Il lavoro è un diritto e anche un dovere.

E’ un diritto di tutti avere la possibilità di creare il proprio reddito, in  maniera onesta, in maniera tale da non aver bisogno di deliqnuere per mangiare.

E’ un dovere, una volta ottenuto un lavoro, farlo in modo corretto e onesto, nei confronti del datore di lavoro, sia che sia un azienda priva sia un ente pubblico (in questo caso sarebbe giusto considerare i datori di lavori tutti i cittadini).

Negli ultimi anni abbiamo assistito a diverse storpiature di questo concetto, il lavoro è stato usato come arma impropria, per ricattare i lavoratori stessi e ovviamente anche gli elettori.

I sindacati in Italia sono molti anni che non fanno più il loro mestiere (che sarebbe quello di difendere i lavoratori), sono ormai organi politici che operano in funzione delle necessità di voto e non quelle dei lavoratori. Non a caso vediamo divesi segretari di sindacati che hanno poi ottenuto posti di onorevole, sindaco, presidenti o segretari di partito, ecc…

Il diritto al lavoro è stato spesso usurpato anche dai poltici stessi, che hanno usato quest’arma come voto di scambio, lo sanno tutti che la DC è cresciuta al sud grazie a questo sistema, se non avevi la loro tessera in tasca stai tranquillo che un posto di lavoro non lo trovavi!! (parole sentite con le mie orecchie da dei napoletani doc)

Il lavoro viene anche usurpato dalle cosidette raccomandazioni, sistema che ha fatto si che la meritocrazia in Italia sia una parola prova di significato. Oggi come facciamo a spiegare ai giovani quanto sia importante impegnarsi, studiare, formarsi e prepararsi all’entrata nel mondo del lavoro se poi i più bravi non vengono mai premiati come meriterebbero?

Non è nuovo a nessuno che spesso i concorsi pubblici sono pilotati, quando vengono fatti ovviamente…

Questo è un triste spaccato dell’Italia, uno dei tanti motivi per cui oggi siamo alla frutta come paese, i più bravi sono stati messi da parte a scapito di quelli più belli o dei parenti di qualcuno di importante… un sindaco, un politico, un arcivescovo, ecc…

Nonostante tutto ciò sia a dir poco scandaloso ancora persiste questa voglia di “infiltrazione professionale”, ne sentiamo parlare ancora purtroppo… basta chiedere a qualsiasi dipendente pubblico per avere dei sospetti più che fondati.

La vecchia politica non è più in grado di superare questa barriera, vive di queste cose e non ha nessuna intenzione di smettere, lo vediamo a livello nazionale e ci sono diverse voci che gettano sospetti anche nel nostro piccolo, a livello locale… e voci che dicono che potrebbe anche accadere ancora.

Voi che volete fare? Se votate per il vecchio sistema e ciò dovesse accadere veramente poi non potrete lamentarvi…
Votate per Voi stessi, votate per la Vs dignità di cittadini e aiutateci ad impedire questi scempi!!!