http://www.movimento5stellesancostanzo.org/4000-e-a-testa/

40,00 € a testa

Interessante Consiglio Comunale quello tenutosi giovedì 26 luglio.

A tenere banco e a catalizzare l’attenzione e la discussione dei presenti, è stata sicuramente la proposta della maggioranza di realizzare un nuovo campo da calcio a 5 (ma anche a 8), in erba sintetica.

Progetto pronto, coperture finanziare trovate, approvazione in C.C. e……. SI PARTE!!!!

Finalmente anche San Costanzo si doterà di un impianto in sintetico.

Sì, finalmente. Perché per quanto esposto durante la discussione, sembrerebbe che proprio questo tipo di impianto manchi alla nostra comunità. Tantissimi giovanissimi atleti si sono visti costretti ad “emigrare” in strutture e società dei comuni limitrofi, proprio perché non avevamo una struttura come questa. Anche la nostra squadra di calcio ad 11, si è vista obbligata ad allenarsi, nel corso della scorsa stagione, in una struttura del comprensorio fanese. Tanti nostri concittadini, amanti del calcetto, spendono fino a 100,00 € all’ora per accedere a strutture di questo tipo.

Il nuovo impianto

“..non sarà il campo di allenamento dell’U.S. San Costanzo ma sarà un campo aperto alla cittadinanza..”

L’area interessata per la costruzione del nuovo impianto, è quella adiacente il campo sportivo comunale e la costruzione sostituirà quello che ora è il campo di allenamento della squadra di calcio cittadina. Stando all’esposizione del progetto, la vicinanza al campo esistente permetterà la condivisione degli spogliatoi per i due impianti, permettendo così di risparmiare i soldi per la loro costruzione.

Da cittadino, ancora prima che come consigliere, mi è piaciuta l’idea dell’amministrazione di investire in impianti sportivi. Ritengo lo sport in genere, specialmente per ragazzi in età scolastica, fondamentale per la crescita fisica, caratteriale e sociale. Non può esserci sport vero e sano, se non ci sono strutture, società ed appassionati.

Ma giovedì la mia carica di portavoce mi ha obbligato ad elaborare una mia posizione in merito, in rappresentanza di una parte di comunità.

Pur amando il calcio giocato alla follia, ritengo la vera follia, investire soldi (parliamo di 190.000,00 €) in quel tipo di impianto.

Il campo sportivo comunale, il campo sportivo di Cerasa, le piste polivalenti di Stacciola, San Costanzo e Cerasa, oltre al Palazzetto dello sport Comunale, mi sono sembrate strutture più che sufficienti per la pratica del calcio a 11, a 8 o a 5. Sono cresciuto, insieme ai miei amici cerasani, tirando calci al pallone nel campo in erba della nostra piccola frazione. La nostra presenza quotidiana, specialmente nel periodo invernale, impediva in prossimità delle porte, all’erba di crescere e spesso i portieri, giocavano all’interno di vere e proprie pozzanghere di fango.

La scorsa settimana, in occasione delle olimpiadi comunali, ho potuto verificare come il manto erboso sia uniforme e compatto. Nessuno si è preso cura di lui, ma nessun altro lo ha usurato, segno che una gran voglia di calcio, in particolar modo a Cerasa, non ce n’è.

Ho cercato allora di far capire loro che quella scelta avrebbe soddisfatto l’esigenze di pochi.

Ho detto loro che una superficie diversa dall’erba sintetica, avrebbe permesso un utilizzo dell’impianto anche per altre attività oltre a quelle calcistiche come il tennis, il pattinaggio, ecc.. Si sarebbe potuto prevedere anche una tensostruttura di copertura e renderlo così idoneo anche alle attività indoor, come la pallavolo, il basket, le arti marziali, la ginnastica sportiva e non, ecc.. Pensate, solo nei mesi estivi, trasformare l’impianto per quelle attività sulla sabbia come il beach volley o il beach tennis!!

Apparentemente non sono riuscito a scalfire le loro posizioni granitiche.

La mia impressione è che quell’impianto lì doveva nascere, così doveva essere realizzato, perché così serviva. Se poi sarà veramente un impianto per la comunità o per pochi intimi, lo scopriremo nei prossimi anni.

 

Giovanni Furlani

2 comments

  1. Paolo ha detto:

    Scusa, non ho capito come va a finire il tuo ragionamento: alla fine hai votato a favore, contro o ti sei astenuto? Io avrei controproposto di pavimentare con quei soldi la piazza davanti alla chiesa parrocchiale oppure di fare il marciapiede su via Garibaldi… e poi non ho capito due altre cose: è giusto – a tuo parere – che il campetto sia realizzato? e chi sono quelli di cui non sei riuscito “scalfire le loro posizioni granitiche”? Sarà che io non vivo in paese ma sinceramente non capisco. Invece mi interesserebbe capire. Grazie

    • Giovanni Furlani ha detto:

      Paolo rispondo con piacere alla tua richiesta di chiarimenti.
      Il mio voto è stato contrario poiché pur essendo favorevole ad investire nello sport, ritengo che quel tipo di impianto, non serva all’intera comunità, ma soltanto ad una piccola parte di essa (mi riferisco a coloro che giocano a calcio). Con quei soldi, ricordo che stiamo parlando di 190000,00 €, si sarebbe potuto realizzare lo spogliatoio nel campo di Cerasa, sistemarlo, e rendere questo un impianto utilizzabile per certe attività (campo allenamento per grandi e ragazzi). Un nuovo impianto forse aiuterebbe ad ampliare “l’offerta sport e attività sportive” ma è chiaro che con quel tipo di superficie (erba sintetica) la scelta è assai limitata. In consiglio giovedì ero il solo rappresentante dell’opposizione. Le posizioni granitiche a cui mi riferivo, erano quelle dei consiglieri di maggioranza che, come perfetti soldatini, hanno votato favorevolmente senza battere ciglio: un vero blocco di granito!! Grazie Paolo per la tua interazione, sentiti libero di chiedere altri eventuali chiarimenti, qualora tu ne abbia necessità. Buona domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *